E-learning Blog

trend mobile learning

Mobile learning. Anche nel 2023 sarà un trend in crescita

Pubblicato da Teleskill Italia | 12/Gen/2023

Il mobile learning riscuote un successo sempre maggiore perché unisce flessibilità della formazione e fruizione dei contenuti in una modalità familiare, comoda, veloce e personalizzabile.

I cambiamenti di scenario che hanno caratterizzato gli ultimi due anni hanno portato a una domanda sempre più consistente di formazione. L’apprendimento e il miglioramento delle competenze sono stati intesi come un vantaggio competitivo dalle organizzazioni, mentre le persone li hanno interpretati come efficaci strumenti per prepararsi e vivere il cambiamento in atto.

Alla formazione tradizionale, dal vivo, si sono quindi affiancate nuove tipologie di formazione legate alle necessità delle persone: collaborazioni da remoto, impossibilità a essere presenti in aula, preferenze per metodologie formative non legate al classico desktop. Il mobile learning ha rappresentato una soluzione a questa e altre esigenze e anche nei prossimi mesi risulterà uno strumento formativo potente, efficace e affidabile.

Naturalmente la sua diffusione è molto legata all’utilizzo di smartphone tablet. In questo il nostro Paese vanta alcuni primati. Circa il 95% della popolazione italiana possiede uno smartphone. In media, gli italiani trascorrono circa 4 ore al giorno utilizzando il loro smartphone, principalmente per navigare, utilizzare i social media e inviare messaggi di testo. Inoltre, il 63% degli italiani utilizza lo smartphone per fare acquisti online e il 60% lo utilizza per accedere a servizi bancari e finanziari. Sono dati importanti che inevitabilente impattano anche sul mobile learning.

Cosa’è il Mobile Learning?

Il mobile learning è una metodologia che ha l’obiettivo di formare persone a distanza grazie a piattaforme ottimizzate per dispositivi mobili quali smartphone e tablet senza bisogno di un pc.

Il mobile learning nasce dall’esigenza dei corsisti che richiedono la possibilità di accesso al materiale didattico in qualsiasi momento, ovunque e da qualsiasi dispositivo mobile, così da aumentare la flessibilità del percorso di apprendimento e la possibilità di accrescere le loro competenze.

Quali approcci prevede il mobile learning?

Il mobile learning viene oggi impiegato in diversi contesti e permette agli utenti di raggiungere risultati ottimali ovunque essi siano. Vediamo insieme alcuni ambiti di applicazione che riguardano la formazione nelle organizzazioni.

Il mobile learning azienda

Da anni le aziende puntano sulla formazione dei propri dipendenti per accrescere le loro competenze e affinare la loro specializzazione. Unitamente all’utilizzo di piattaforme e-learning per la formazione online è possibile affiancare  metodologie di mobile learning che offrono vantaggi immediati:

  • flessibilità oraria: il materiale è fruibile sempre e ovunque;
  • riduzione dei costi: i corsi in mobile learning sono meno costosi dei corsi in presenza;
  • possibilità di verifica sull’apprendimento attraverso quiz.
  • possibilità di adottare strategie di microlearning per facilitare la memorizzazione dei contenuti e il loro utilizzo “in pratica”.

tendenze mobile learning

Quali sono i vantaggi del mobile learning in azienda

L’utilizzo del mobile learning non è solo a beneficio dell’azienda che, come abbiamo visto, ha la possibilità di ridurre i costi, di monitorare l’apprendimento e di agevolare la modalità di erogazione, ma anche dei corsisti.

Ecco alcuni vantaggi del mobile learning in una realtà aziendale:

  1. Più coinvolgimento: il 71% dei Millennials sostiene di essere più coinvolto nel mobile learning che nelle attività formali.
  2. Accesso da qualsiasi dispositivo mobile: la formazione è accessibile anche a coloro che non hanno un pc con il semplice utilizzo di tablet o smartphone.
  3. Migliore qualità di apprendimento: con l’aiuto di audio e video che possono essere consultati in ogni momento.
  4. Facilità di condivisione con il team: mobile learning facilita lo spirito e la conoscenza tra collaboratori che possono acquisire competenze anche attraverso la condivisione di esperienze altrui.
  5. Facilità di acquisire informazioni: Il mobile learning permette di reperire tutte le informazioni in modo facile, veloce, da qualsiasi dispositivo e di avere a disposizione il materiale formativo in qualsiasi momento.
  6. Feedback in tempo reale: grazie alla formazione live i corsisti possono interagire in tempo reale con i docenti e ottenere feedback immediati.
  1. Formazione accessibile a tutti: grazie all’e-learning è possibile formare anche dipendenti che svolgono lavori in trasferta o da remoto e agevolare anche i dipendenti appartenenti a categorie protette che potrebbero riscontrare maggiori difficoltà a seguire lunghe lezioni in presenza.

Come ottimizzare i contenuti di e-learning per le piattaforme mobile?

La maggior parte dei contenuti di e-learning possono essere visualizzati su qualsiasi dispositivo mobile ma, per far sì che il loro utilizzo consenta un’esperienza utente ottimale, è necessario siano ottimizzati per smartphone e tablet.

Diventa quindi indispensabile considerare alcuni aspetti fondamentali:

  • Compatibilità: tutti i contenuti formativi dovrebbero essere ottimizzati per i dispositivi mobili. Il fatto che siano riprodotti correttamente con il browser del computer non garantisce che funzionino correttamente sui dispositivi mobili.
  • Facilità d’uso: anziché costringere le persone a cliccare su più pagine è opportuno rendere i contenuti scrollabili.
  • Impatto: l’uso d’immagini di alta qualità, ritagliate in modo accurato permette di mantenere la stessa definizione anche se si restringono per adattarsi a uno schermo più piccolo.
  • User Experience: tutti i pulsanti presenti sullo schermo dovrebbero essere facili da usare anche per gli utenti con dita più grandi in quanto possono trovare difficoltà nel maneggiare i device più piccoli. Per questo motivo è importante cercare di ridurre il numero di clic necessari per completare un’azione.
  • Attenzione al dispositivo: anche se alcune azioni risultano semplici se eseguite su un pc, possono diventare complesse sullo smartphone come, ad esempio, il drag-and-drop quasi impossibile da compiere su uno schermo touch di dimensioni ridotte.
  • Responsività: per una migliore visualizzazione sia su dispositivi desktop che mobile è necessario usare un programma responsive per tutto, anche per le e-mail.
  • Lunghezza dei contenuti: chi utilizza i dispositivi mobile sono persone spesso in movimento che difficilmente riescono a completare la lettura, per questo motivo diventa indispensabile utilizzare paragrafi brevi e intervallare testo e immagini.
  • Engagement: i contenuti a pillole (microlearning) sono la soluzione migliore. Secondo uno studio, la durata media di una sessione mobile è di 10 minuti, quindi l’utente, anziché completare una lezione di mezz’ora, è più propenso a dividerla in 20 pillole da 2 minuti ciascuna.
  • Indicizzazione dei contenuti: è importante che i contenuti abbiano caratteristiche fondamentali: punti chiave in risalto, intestazioni chiare, elenchi puntati adeguati e immagini e icone accattivanti.

Contattaci


ATTENZIONE: iniziativa rivolta alle sole aziende
Presto il consenso al trattamento dei dati per finalità di informazione commerciale secondo l’informativa

COMMENTI