E-learning Blog

Come scegliere il format del webinar.

Pubblicato da Teleskill Italia | 16/Dic/2019

Il format del webinar è un elemento fondamentale per la riuscita e per il raggiungimento degli obiettivi dell’evento.

Quando si parla di webinar, in genere, l’attenzione si focalizza sui relatori, sugli argomenti, sul numero degli iscritti, sul software da utilizzare. Sono tutte considerazioni giustissime, ma che vanno integrate con quanto, alcuni decenni fa ormai, affermava Herbert Marshall McLuhan, sociologo e filosofo celebre per il suo assioma “il medium è il messaggio”.

Quando si tratta di webinar per “medium” si intende il format dell’evento che, come vedremo, può essere di molti tipi differenti e influenzare profondamente la riuscita del webinar.

Il format del webinar, come detto sopra, può avere declinazioni molto differenti: Lead generation, selling webinar, post vendita, formazione, coaching, mentoring, project work, e molte altre ancora.

Naturalmente il format è strettamente correlato all’obiettivo che si vuole raggiungere, proprio come in un evento in presenza.

Vediamo insieme alcuni casi possibili.

Il webinar per supportare il marketing e le vendite.

Come prima notazione, appare evidente che occorre intercettare il target offrendogli la più ampia possibilità di collegarsi all’evento e quindi di assistere al webinar anche in mobilità da smartphone o tablet.

Un possibile format potrebbe essere quello di mostrare il prodotto, dividendolo in funzionalità o caratteristiche, magari mostrando in diretta video o condivisone del desktop, e poi lasciare la possibilità di esprimere un parere tramite sondaggio/chat/like al termine di ogni spiegazione. Per poi, alla fine del webinar, raccogliere più feedback possibili tramite tutte le funzionalità interattive presenti.

Ad esempio, grazie al tracciamento dei gusti e delle preferenze su una singola caratteristica o funzionalità del prodotto / servizio proposto durante il webinar, è possibile suddividere anche il pubblico per webinar successivi e per eventuali vendite “one to one”.

Perché ciò avvenga è fondamentale che il software webinar permetta di tracciare ogni genere di comportamento degli utenti in diretta e quindi, attraverso l’analisi dei dati, capire i gusti e le preferenze del pubblico su un prodotto o su una sua caratteristica e funzionalità.

Sarà poi possibile, in base all’analisi dei feedback ricevuti, suddividere il pubblico in base alle preferenze, magari anche per un webinar successivo con argomenti più in target.

Un webinar cosi strutturato può essere di grande aiuto non solo per incentivare le vendite in maniera generica ma anche per raggiungere obiettivi di:

  • co-creazione del prodotto tramite feedback ricevuti (concetto forte e importante per ogni tipo di contesto);
  • vendita on-line tramite collegamento one to one.

Nel primo caso, ho avuto dal pubblico suggerimenti importanti per customizzare il prodotto in base a scelte del target; nel secondo caso ho avuto dati per identificare utenti prossimi all’acquisto e realizzare con loro una trattativa diretta.

Il webinar come ambiente di apprendimento.

Il caso della formazione è, se possibile, ancora più specifico. Infatti, è davvero imprescindibile che il format permetta di replicare in modo fedele quanto avverrebbe in una classe dal vivo. È necessario quindi che il software preveda funzionalità specifiche per la formazione che consentano di replicare telematicamente gli elementi di un corso di formazione in aula, ovvero che permettano di:

  • somministrare questionari multipli in diretta con accesso immediato ai risultati per un commento live da parte del docente
  • essere integrato a una piattaforma e-learning in modo che i dati di risposta ai questionari si vadano a integrare nel percorso formativo insieme a quelli dei Learning object asincroni
  • tracciare ogni genere di informazione, compreso il tempo netto di partecipazione, ovvero non da quando un utente si connette, ma da quando il docente avvia la lezione: ciò è possibile grazie al pulsante “inizia lezione”, che permette, come detto sopra, di tracciare la presenza netta al webinar, senza calcolare i tempi di attesa per l’inizio della lezione riportandoli, in seguito, nella piattaforma e-learning
  • registrare la diretta, scegliendo il formato e cancellando quelle parti che non sono utili a una visione on-demand (chat/lista partecipanti/lista dei file/ etc.)
  • personalizzare il layout a seconda dei momenti della lezione live (presentazione, interazione, test, etc.)
  • condividere e visualizzare ogni genere di documento formativo
  • consentire sempre una comunicazione diretta col docente tramite la funzione alzata di mano e permettere all’utente di mostrare “sono d’accordo” / “non sono d’accordo” che simula il sì con la testa che un docente osserva durante la sua lezione residenziale.

Il webinar per temi compliance e sulla formazione accreditata.

Anche qui ci troviamo in un contesto in cui il format diventa caratterizzante e può influire decisivamente sui risultati finali.

Si tratta di un settore in grande espansione e in cui la soluzione webinar più efficace può fare la differenza.

In questo caso il format potrebbe prevedere un test in entrata somministrato in diretta, alternare momenti di lezione a questionari multipli tracciati a cui l’utente può rispondere in un tempo limitato, lasciando attiva la chat, le domande al relatore, i like e ogni altra forma di interazione presente, per poi concludere il webinar con un questionario di uscita il rilascio dell’attestato.

E in quest’ultimo caso, si pensi, ad esempio, a quanto possa essere comodo per chi organizza un corso accreditato, che l’utente trovi automaticamente in piattaforma l’attestato, scaricabile solo al raggiungimento di determinati valori nei questionari, oppure solo se ha seguito la lezione per una percentuale di tempo, decisa preventivamente, che rappresenta il tempo utile per superare il corso.

Il supporto di esperti per organizzare i tuoi webinar.

Come si vede dagli esempi precedenti le variabili possono essere tante e può essere complicato considerarle tutte. Per questo in Teleskill abbiamo creato un software webinar proprietario, potente e versatile, facilmente personalizzabile, ma anche un team di consulenti, il reparto Training Angel, che possano affiancare il cliente prima, durante e dopo l’evento. Si tratta di un aiuto che investe la strategia dell’evento, i contenuti, la formazione del relatore, la produzione multimediali di contenuti ad hoc, l’organizzazione e la realizzazione dell’evento (incluso il servizio di Conference Manager) e poi le attività di follow up e report per webinar futuri o altre necessità. Il supporto dei consulenti Teleskill ha due finalità precise: la prima è la perfetta riuscita dell’evento, ma più a monte c’è il desiderio di permettere al cliente di sviluppare il suo business, senza doversi preoccupare di aspetti organizzativi, tecnici e di dettaglio dell’erogazione del webinar.

  • Contattaci

    Presto il consenso al trattamento dei dati per finalità di informazione commerciale secondo l’informativa

COMMENTI